Ue: lettura notizie online, italiani ultimi Ue

20170831-bruxelles-unione-europea-430x323

Gli italiani sono ultimi in Europa per la lettura delle notizie online. L’Italia è infatti 28/a su 28 nel 2018 per la percentuale di persone che utilizza Internet per informarsi, segnando un ulteriore crollo dalla 26/a posizione del 2017. Solo il 56% degli italiani consulta siti di informazione sul web, contro il 60% dell’anno scorso, ben al di sotto della media …

Rai: Maggioni, noi accanto a cronisti minacciati

download

“Questa giornata è l’emblema di come a questi temi si possa arrivare attraverso tutti i linguaggi. Penso che ognuno dei giornalisti seduti a questo tavolo dia il senso del perchè vale la pena andare avanti nel nostro mestiere. Il tema della mafia e di un giornalismo minacciato dall’assenza di domande o dall’essere funzionale a un gruppo o …

Facebook: ‘pagelle’ utenti a media, da oggi test in Italia

facebook-doesnt-tell-users-everything-it-really-knows-propublica-propublicaorg_1824399

 Al via da oggi in Italia il test con cui Facebook chiederà agli utenti di valutare la conoscenza e l’affidabilità delle testate giornalistiche. Un sondaggio composto di due domande e già avviato negli Stati Uniti a gennaio scorso “come parte dello sforzo continuo per assicurarsi che le notizie che le persone vedono su Facebook siano di alta qualità e per dare …

Cnog all’Aran: no esclusione giornalisti dal confronto su Uffici Stampa P.A.

odg

Il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, riunito oggi a Roma,  ribadisce la centralità del ruolo dei giornalisti nelle attività di relazione con il sistema dei media nella pubblica amministrazione. Gli uffici stampa nella PA svolgono un ruolo fondamentale per la trasparenza al fine del buon funzionamento degli enti pubblici, adoperandosi per garantire una corretta informazione …

Troupe Nemo aggredita dai Casamonica, la solidarietà di Ordine e Sindacato

troupe-Nemo-aggredita-Casamonica-video

Nuova aggressione ad una troupe di ”Nemo-nessuno escluso”  Oggi e’ toccato a  Nello Trocchia e il filmaker Giacomo del Buono, presenti al momento degli arresti di Antonio Casamonica e di Alfredo Di Silvio, ritenuti responsabili del pestaggio del 1 aprile ai danni di una donna disabile e del titolare del Roxy Bar alla Romanina. Durante l’arresto di Casamonica, i familiari …

Chiusura uffici lunedì 30 aprile

ODG-logo

Si avvisano i gentili colleghi che gli uffici dell’Ordine rimarranno chiusi lunedì 30 aprile. Le attività riprenderanno regolarmente mercoledì 2 maggio.

Consiglio regionale: un giornalista a dirigere i giornalisti

consiglio-regionale-lazio-700-x-372

Il Consiglio dell’Ordine dei giornalisti del Lazio esprime al Consiglio regionale del Lazio la sua preoccupazione per il fatto che da qualche mese i colleghi impegnati nell’ufficio stampa della Pisana non hanno più un giornalista a coordinarli. Sollecita perciò la presidenza e l’intero Consiglio regionale a superare questa anomalia. L’Ordine dei giornalisti del Lazio sollecita …

Ilaria Alpi: Fnsi, presidio 17 aprile ‘per non archiviare’

ed5f7b7b0378580b22cfba8cd1ef9d18

 ”Noi non archiviamo il caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin”. Martedi’ 17 aprile, dalle 9.30 alle 12.30, i rappresentanti dei giornalisti italiani – ricorda una nota della Fnsi – si ritroveranno davanti al tribunale di Roma, a piazzale Clodio, per chiedere che non vengano archiviate le indagini sull’assassinio della giornalista e dell’operatore del Tg3, uccisi in circostanze ancora …

“Ammazzate il giornalista Borrometi”: le nuove minacce a Paolo ci trovano al suo fianco. Domani conferenza stampa in Fnsi

paolo-borrometi

“Fallo ammazzare, ma che c…. ci interessa”. A dare l’ordine di uccidere è il boss di Cosa nostra della provincia di Siracusa, Salvatore Giuliano a un altro boss di spicco, Giuseppe Vizzini, e l’obiettivo è Paolo Borrometi, direttore del sito d’inchiesta La Spia, collaboratore dell’AGI e presidente di Articolo 21. Per queste minacce oggi sono …

Mauro Donato scarcerato dopo 21 giorni, “un inferno”

Foto: Marco Bobbio via Twitter
Foto: Marco Bobbio via Twitter

     “E’ stato un inferno, un’ esperienza molto dura. Tornare libero è un’emozione fortissima”. Ha la voce rotta dalla commozione Mauro Donato quando racconta i suoi lunghi giorni in cella, in Serbia, detenuto con la pesante accusa di rapina aggravata dall’uso della violenza nei confronti di tre profughi afghani. “Io non sapevo neanche quale reato mi contestavano, mi hanno fatto …